Www.fitnesscare.online

COME CANI RANDAGI

Based on 9 reviews.
4.0/ 5.0 - 3 reviews

Author:

Publisher: MELIGRANA GIUSEPPE EDITORE

Number Of Pages:

publication Date:

Language: ITALIANO

ISBN-13: 9788868151959


This site currently has over a thousand free books available for download in various formats and you can read it on your PC or Smartphone.

*Free signup required to download or reading online COME CANI RANDAGI book.

Category : Science
  • Description
  • About Author
  • Reviews (0)

Ci sono una cittadina inglese dei primi del Novecento e i suoi abitanti. E poi lAmerica e i suoi abitanti. Cè un vecchio macchinista di locomotive a vapore che si è messo a scrivere un libro sulle storie che ha sentito raccontare. Storie di un paese lontano: lAmerica. Cè un vecchio macchinista di locomotive a vapore che, nelle giornate nevose dinverno, racconta a Jody le storie del loro paese, Anywhere, Inghilterra. Ci sono uomini alla perseverante ricerca del loro sogno e cè chi, invece, sogna anche ad occhi aperti. Cè uno che vende i colori delle farfalle, per dire, e uno che cerca la tomba di Alessandro Magno. Cè il signor Mod che impazzisce nellastruso concetto delle Musiche Parallele e ci sono due fabbriche di vasellame e simulacri perse tra le fosche nebbie dautunno. E cè un posto chiamato Maryliwood che nessuno sa esattamente dove sia. Cè chi imbottiglia aria in ogni parte del mondo, e chi di bottiglie ne ha scolate troppe e cè rimasto secco. A un certo punto, cè uno che ha trovato il sistema di fermare il tempo, oppure di farlo correre a rotta di collo. Cha passato su notti intere, e mesi, e anni... poi cè riuscito. A suo modo, ma cè riuscito. Ci sono le mani della signorina Pochette e gli occhi, tristi, di Elise. Cè uno che si fa rinchiudere dentro una campana di vetro, e uno che fa riattaccare la campana al campanile di una chiesa di un villaggio sperduto nel west. Cè uno che un giorno ha messo un soldo dentro una fottuta scatola di latta, e poi ci ha tirato su una banca. Cè la società di ieri, e quella di oggi. Gli stessi illusi sognatori perdenti. Perché ognuno può sognare e realizzare ciò che vuole: la musica più sublime o le parole più belle, poi, di quel che sarà delle nostre opere, be, quello è compito del destino, e con questo non ci si discute mica tanto.