Www.fitnesscare.online

LEQUAZIONE. STORIA DI UN PRIMO AMORE, PER NON PARLAR DI UNA FORMULA...

Based on 10 reviews.
4.0/ 4.0 - 8 reviews

Author:

Publisher: MAX J. PARKER

Number Of Pages:

publication Date:

Language: ITALIANO

ISBN-13: 9786050462500


This site currently has over a thousand free books available for download in various formats and you can read it on your PC or Smartphone.

*Free signup required to download or reading online LEQUAZIONE. STORIA DI UN PRIMO AMORE, PER NON PARLAR DI UNA FORMULA... book.

Category : Mystery & Thrillers
  • Description
  • About Author
  • Reviews (0)

“Lequazione” non è solo la storia di un primo amore, ma soprattutto un complicato rompicapo che intreccia passato e presente, memoria e sogno per riflettere sullequazione della propria vita alla ricerca dellerrore che non ha fatto quadrare il risultato finale. E un tentativo di giocare con il tempo, per provare a capire cosa sarebbe successo se quellerrore fosse stato evitato.Una formula che darà luogo ad un finale a sorpresa.Il romanzo è ambientato nella metà degli anni 80 ed è anche una storia di musica, di amicizia, di una crescita che passa attraverso lesame di Maturità, di appassionate discussioni sullarte, la cultura, le tecnologie, la scienza, la storia.Con un salto di 30 anni, il finale riproporrà i protagonisti cinquantenni, con le loro vittorie e le loro sconfitte. E quello il momento in cui scatta il gioco della memoria: la ricerca dellerrore che, più di tutti gli altri, ha condizionato lequazione della propria vita.Vi stupirete di scoprire stati danimo in grado di far vibrare lanima e provocare emozioni anche a distanza di quarantanni.Questo romanzo è dedicato a tutti coloro che vogliono tornare agli anni della propria giovinezza per evitare che sprofondino oltre loblio dei ricordi.Ma anche a chi ha ancora voglia di risolvere la propria equazione, di giocare con la propria memoria e nessuna intenzione di smettere di sognare.Si aggiustò i capelli dietro le orecchie e le raccontò del parallelo che Almerico le fece su quella che lui definì “elettronica amorosa”.«Lui è convinto che nel cuore di ciascuno di noi, ci sia un piccolo angolo un po fuori mano, difficile da trovare» Camila portò le mani innanzi agli occhi di Annalia, il pugno della sinistra stringeva lindice della destra. «Questo posticino contiene il sensore che innesca una riserva di emozioni speciali, quelle vibrazioni che avvertiamo solo quando una persona è in grado di far giungere il suo calore fin lì»Aprì la mano sinistra e liberò il dito-sensore.«Almerico ha parlato di calore umano?» chiese Annalia meravigliata.«Non proprio...» commentò Camila divertita «lui lha definita una piccola corrente, pochi milliAmpere. Ho fatto una specie di traduzione simultanea»Le due sorrisero. Pur avendo utilizzato termini diversi, il concetto restava di egual dolcezza.[…]«Io credo che quelle emozioni si attivino raramente, perché sono molto pericolose. Possono farti stare male se non le provi al momento giusto e con la persona giusta. Forse fu per questo che io feci finta di non sentirle, qualche anno fa. A cinquantanni, sarò curiosa di sapere quante volte si sarà acceso e per chi...»